Loading...
Empatheatre
Empatheatre

Mitos 2021

MITOS 2021 – Dal 19 al 22 Agosto 2021

MITOS 2021

Meeting Italiano di TeatrO Sociale #14

Lucca, dal 19 al 22 Agosto 2021

Giro giro tondo cambia il Mondo

Non insegnate ai bambini
non insegnate la vostra morale
è così stanca e malata
potrebbe far male
forse una grave imprudenza
è lasciarli in balia di una falsa coscienza.

logo-2021

Non insegnate ai bambini
ma coltivate voi stessi
il cuore e la mente
stategli sempre vicini
date fiducia all’ amore
il resto è niente.

(Giorgio Gaber, Non insegnate ai bambini)

Le richieste dovranno essere inviate ENTRO E NON OLTRE IL 10 GIUGNO 2021 al seguente indirizzo mail: [email protected]

IL BANDO:

Si veda lo schema orario a seguito:

Mattina

10:00 – 12:00
Accoglienza

12:00 – 13:00
Plenaria introduttiva
(Complesso di San Micheletto, Via San Micheletto 1, incrocio Via Elisa, centro storico di Lucca)

Pomeriggio

15:00 – 17:00
Laboratorio A
Laboratorio B
Laboratorio C
Laboratorio D

Sera

21:00
Presentazione MITOS 2021
QUATTORDICESIMA EDIZIONE

21:30
Spettacolo di Teatro Sociale

Mattina

9:30 – 13:00
Laboratorio A
Laboratorio B
Laboratorio C
Laboratorio D

Pomeriggio

15:00 – 18:30
Laboratorio A
Laboratorio B
Laboratorio C
Laboratorio D

Sera

21:30
Spettacolo di Teatro Sociale

Mattina

Mattina libera o Laboratorio facoltativo

Pomeriggio

15:00 – 19:00
Laboratorio E
Laboratorio F
Laboratorio G
Laboratorio H

Sera

Spettacolo di Teatro Sociale

Mattina

10:30 – 13:00
Plenaria conclusiva

Come le scorse edizioni selezioneremo le proposte che arriveranno per laboratori e assemblee plenarie (sezione A) e spettacoli di Teatro Sociale (sezione B).
Sarà previsto un rimborso spese per i docenti di € 150 complessivi lordi per la conduzione di un laboratorio di 10 ore, € 70 complessivi lordi per la conduzione di un laboratorio di 4 ore o plenaria.
Per gli spettacoli teatrali il rimborso dovrà essere trattato caso per caso, in base anche alle esigenze dello spettacolo stesso.

I rimborsi per i docenti e le compagnie, così come i costi di iscrizione per i partecipanti, sono più bassi della media, nell’ottica di favorire l’incontro e lo scambio.

Empatheatre, la Compagnia dei Salvastorie, in quanto Associazione organizzatrice, si riserva il giudizio
insindacabile sulla scelta dei conduttori dei laboratori e degli spettacoli selezionati.

Verranno forniti per i laboratori spazi ed eventualmente materiali a richiesta e, per gli spettacoli, oltre agli spazi, un impianto audio-luci di base.

COSA VOGLIAMO:

Il tema di quest’anno parte da un concetto fin troppo evidente: il Mondo inteso come Società Umana sta cambiando, a velocità forse mai viste prima nella Storia Umana. Come cambia, in che direzione vogliamo farlo andare dipende da noi, dal nostro coraggio e dalla nostra immaginazione e creatività. Se è vero che tanto spesso nella Storia piccoli gruppi di persone hanno indotto grandi trasformazioni, noi di Empatheatre abbiamo capito che il Teatro Sociale è uno strumento di cambiamento, sociale ma personale prima di tutto, molto importante, e con immense potenzialità. Se lo credete anche voi, mandateci le vostre proposte, vi aspettiamo aprendo le braccia e il Cuore.

LE SEZIONI DEL BANDO:

Sezione A – Per proporre un laboratorio di Teatro Sociale o assemblea plenaria
1. Compilare il modulo allegato al presente bando con i dati richiesti, selezionando con una x la sezione A (è possibile partecipare a più sezioni del bando, in questo caso selezionare con una x tutte le sezioni che interessano) e specificando se interessati a un laboratorio di 10 ore, uno di 4 ore, o entrambi, e/o una plenaria e inviarlo a [email protected];
2. Inviare a [email protected] il file (in un formato a scelta fra .odt, .rtf, .doc, oltre alla versione in formato .pdf) dell’abstract sintetico del laboratorio proposto o dell’assemblea-laboratorio proposta (Max 50 righe), in cui si indichi un titolo, la disciplina di Teatro Sociale di riferimento con esauriente descrizione del contenuto. Nel file inviato si dovranno indicare anche eventuali esigenze di spazio o peculiarità del laboratorio (numero massimo di partecipanti, necessità di materiale, se adatto-non adatto a persone anziane o con disabilità, ecc…).
3. Inviare a [email protected] il file (vedi paragrafo precedente) con una sintesi del curriculum vitae del docente (o dei docenti) ed eventualmente della Scuola, Compagnia o Associazione proponente (max 20 righe totali).

Sezione B – Per proporre uno spettacolo di Teatro Sociale
1. Compilare il modulo allegato al presente bando con i dati richiesti, selezionando con una x la sezione B (è possibile partecipare a più sezioni del bando, in questo caso selezionare con una x tutte le sezioni che interessano) e inviarlo a [email protected];
2. Inviare a [email protected] il file (in un formato a scelta fra .odt, .rtf, .doc, oltre alla versione in formato .pdf), della scheda tecnica e descrittiva dello spettacolo proposto, in cui si indichi il titolo dello spettacolo, la disciplina di Teatro Sociale a cui è più affine, le caratteristiche ed esigenze tecniche (numero di attori, se disabili o con esigenze specifiche, necessità di materiale audio e relativa potenza, necessità di impianto video o altro, quantità di luci e relativa potenza e comandi, ecc…) e se ne descriva esaurientemente l’argomento e il contenuto. Nel file inviato si dovranno indicare anche eventuali esigenze di spazio o peculiarità dello spettacolo (necessità di coinvolgere il pubblico, abbattimento di barriere architettoniche fra palco e pubblico, ecc…).
3. Inviare a [email protected] il file (vedi paragrafo precedente) con una sintesi del curriculum vitae o portfolio della Compagnia.

Scadenza bando:
Le richieste dovranno essere inviate ENTRO E NON OLTRE IL 10 GIUGNO 2021 al seguente indirizzo
mail: [email protected]
Per qualsiasi informazione scrivere a [email protected], consultare la pagina web www.empatheatre.it
o chiamare al numero 347-8599527.

Vi aspettiamo a braccia aperte! Empatheatre, la Compagnia dei Salvastorie

L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui,
l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.
Due modi ci sono per non soffrirne.
Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

(Italo Calvino, Le città invisibili)